I gatti nell’arte

28,00

+ nel carrello
16,5x24cm
222 pp.
2018

Da animale sacro nell’antico Egitto a deterrente contro i roditori nella civiltà babilonese, alleato dell’uomo contro gli aspidi dal morso letale, apprezzato per la tecnica venatoria e immortalato come valido compagno di caccia, il gatto si affranca via via dalle attività pratiche diventando l’indolente amico dell’uomo, che gli spalanca le porte della propria casa. La convivenza però non dura a lungo e la sua fortuna conoscerà ancora alti e bassi. Tanto che sul finire del Medioevo prevale l’immagine di malefico sodale del demonio, sprezzo che coincide con il ruolo sinistro cui è relegato nei dipinti. Quasi mai protagonista nelle tele dei grandi maestri ma mero accessorio raggomitolato ai piedi di una figura femminile, bisognerà attendere il sentimentalismo vittoriano perché torni in auge e un radicale cambio di status lo faccia ritrarre, insieme ai suoi compari, in intimistiche scene famigliari. Desmond Morris, il più grande zoologo dei nostri tempi, ci racconta la storia dell’arte attraverso la lente degli artisti gattofili e si avvale di un ricco apparato iconografico – oltre 130 immagini – commentando ogni opera in modo puntuale e ricollocandola nel contesto storico, sociale e culturale del suo tempo.